Jeudis d’Été

Concerti  di Musica da Camera al Conservatoire

Torre dei Balivi, ore 20,30

7 appuntamenti pomeridiani di Musica da Camera realizzati da Docenti, Allievi e Musicisti ospiti, nella suggestiva cornice della Torre dei Balivi, in via Guido Rey, sede del Conservatoire.

Il primo appuntamento è quello del il 16 luglio Serata d’InCanto con Arie d’opera e da camera con musiche di Gastaldon, Mozart, Schubert, Strauss, Tosti e Verdi, un programma realizzato dal prof. Marco Ricagno con la partecipazione delle voci di Jane Balla, Mauro Bonfanti, Yiyang Fan, Daniela Gavinelli, Maria Ilinca, Christel Marcoz, Mary Ollearo, il clarinetto di Emanuele Fontan e il pianoforte di Erica Pompignan.

Il 23 luglio sarà la volta del complesso di ottoni Les Cuivres du Conservatoire con un programma di Musiche di Frescobaldi, Gabrieli, Mortimer e Piazzolla , curato dal prof. Stefano Viola.

Il 30 luglio porteremo sul palco Un pianoforte per tutte le stagioni, progetto musicale curato dai docenti delle classi di Pianoforte del nostro Conservatoire. A esibirsi saranno i nostri giovani e talentuosi pianisti Adrian Haba, Alex Marjolet ed Erica Pompignan. Musiche di Bach, Beethoven, Ligeti, Liszt e Scriabin.

Il 6 agosto avremo l’onore di ospitare la giovane e talentuosa Zhang Jingzhi, vincitrice del Premio Nazionale delle Arti, sezione violino, tenutosi presso il nostro Conservatoire nel mese di ottobre 2019, accompagnata al pianoforte dalla Prof.ssa Cristina Pantaleoni. Suoneranno Musiche di Bach, Brahms e Mozart.

Il 13 agosto una serata dedicata alle Cantate e Sonate Barocche, con le voci di  Daniela Gavinelli e Christel Marcoz, il flauto del prof. Giovanni Miszczyszyn, il violoncello di Serena Costenaro e il cembalo di Erica Pompignan Musiche di Vivaldi e Handel.

Il 20 agosto serata dedicata alla musica jazz, con il celebre pianista Luigi Bonafede, e con il nostro docente di saxofono Massimo Baldioli. Saranno eseguite musiche originali di Baldioli e Bonafede.

Il 27 agosto chiuderà la rassegna, Incontro d’ance, Ezio Ghibaudo alla fisarmonica e Andrea Mocci al saxofono. I loro strumenti, spesso associati – nell’immaginario collettivo – alla musica jazz e folcloristica, suoneranno musiche di Borne, Festa, Iturralde e Piazzolla.

Documenti da scaricare